LA SMORFIA 2019 – ESTRAZIONE VENERDI’ 6 DICEMBRE “UN PRESENTE RIVOLTANTE”

Riparte la tombolata de LA SMORFIA, collettiva di indagine sociale…

Siete tutti invitati all’estrazione dei numeri che si terrà venerdì prossimo 6 Dicembre alle ore 18.00  con l’allegro commento di Pasquale e GF al TERZOPIANOAUTOGESTITO di Palazzo Gravina, Via Monteoliveto 3, Napoli.

Il tema scelto per quest’anno è “UN PRESENTE RIVOLTANTE”

INDIVUI ECCENTRICI RISPETTO ALLA NORMALITA’ IMPOSTA, PRATICHE DI RIVOLTA E GESTI QUOTIDIANI DI ROTTURA VENGONO OGNI GIORNO ASSIMILATI DAL CAPITALE E RISPUTATI FUORI NELLA LORO VERSIONE PIU’ INNOCUA E CONGENIALE ALLA MERCIFICAZIONE DELLE NOSTRE VITE.
ESISTE ANCORA UN GESTO DI ROTTURA CHE SFUGGA A QUESTO PROCESSO DI NORMALIZZAZIONE? ESISTONO ANCORA INSOLITI SGUARDI CAPACI DI INDIVIDUARE LA CREPA?

Mi volto e mi rivolto, Invano. S ‘arrevutat o munn !! e tutto va veloce , talmente veloce che non ci si riesce più a muovere. Tutto continuamente si trasforma nel suo esatto opposto senza mutare apparentemente forma. Sgomenta mi accorgo della specularità del buio e della luce, ma almeno, penso, a rivoltare le cose se ne tira fuori la polvere, e allora giù , volta , rivolta . Dove sei crepa? faglia. C’è qualcosa che non quadra per davvero. c’è il ricaldamento globale , ma i cani indossano il cappotto. c’è la fame nel mondo e i cassonetti pieni di cibo.e l’autoritarismo democratico, i fascisti di sinistra, banchieri anarchici, capitalismo green, stupratori dal cuore d’oro. Prati che non possono essere calpestati. Bombe all’idrogeno e poco ossigeno. Qui si scappa per morire. Si viaggia per restare. Lavoro per vivere. Vivo per lavorare. Compro ergo sum, Il nuovo smartephon così potrò essere , finalmente , interconnessa 24 H con la globale solitudine .
Mi volto mi rivolto. Dove sei crepa? voglio essere la faglia, lo scheletro nell’armadio più vivo che si sia mai visto .

COME FUNZIONA:

Chiunque sia interessato a partecipare estrarrà venerdì prossimo un numero e dovrà poi produrre un elaborato mettendo in relazione il significato assegnato a quel numero nella smorfia napoletana con il tema della mostra “UN PRESENTE RIVOLTANTE”.

L’elaborato potrà essere

una foto (digitale o analogica)

un breve filmato super8

un disegno

una serigrafia

un pezzo audio

un testo scritto

Gli elaborati dovranno essere consegnati entro il 10 gennaio 2020, per essere visionati e discussi collettivamente… in modo da decidere al meglio la forma da dare alla mostra collettiva che sarà inaugurata nel cortile di Palazzo Gravina a metà gennaio e rimarrà allestista per un mese.

LA SMORFIA 2019

EXPANDED CINEMA NIGHT at Ventaglieri 76A – 25/06/2019 (start h. 21.00) – with Blau Peru by LAB0D0BLE (Praga) e Tiziana Salvati A/V solo liveset

 

Labo Doble 76 web

Mercoledì 25 giugno 2019

dalle ore 21:00

a Via Ventaglieri 76A, Montesanto, Napoli

una nuova serata dedicata al cinema espanso

EXPANDED CINEMA NIGHT

con il live audio video di Lab0d0ble da Praga ed il solo di Tiziana Salvati,oltre a cena e bar, questo il programma della serata:

– BLAU PERU, 1970

A/V performance di Alexandra Moralesova e Georgy Bagdasarov (Labodoble, Praga)

“Photography is truth. The cinema is truth twenty-four times per second.” J-L. Godard

1970, Blau Peru is an attempt to “develop a film picture”, to wake up a potential story, and to initiate research. We work found footage material. To invoke the moving picture an 8mm film viewer is used. To spread the picture on screen there is a video transfer and due to that kind of digital remediation the material comes to transubstantiation and turns into a “spectre”. Those spectres are then forced to dance with prepared gramophone and so transfigure one of thousand possible stories that found footage material can.

———————————————————bio——————————————————–

George Bagdasarov was born in Kazahstan in Armenian family. Started to study Cybernetics at Technical University, continued with Composition at Music Academy in Moscow and finally graduated Film School in St. Petersburg. Started music carrier as guitarist in psychedelic punk band, developed through conceptual techno to free improvisation based on the stuff collected on flea markets. Played and recorded in different collaboration with jazz, noise, electronic, etc musician R. Deutsch, J. Noetinger, Y. Mashida, LEs Halmes, Dill, Yutaka Makino, DJ Sniff, N. Rubanov, Fitz Ellarald etc. Currently lives in Prague and is finishing his Ph.D. at Film Academy (FAMU) being involved in wide range of collaborations from punk-blues to audio visual noise performance. In solo performances he plays saxophone and prepared guitar with support of flea market’s orchestra.

Alexandra Moralesová was born in Prague and still lives there. She studies on Film Academy in audiovisual department (FAMU, CAS). Interested in film footage and performance she initiates different image-moving projects and musical collaboration. The main motif of live performance is remediation of existing material (for example 8mm film, photography, diary and correspondence) and de/construction through various ways of showing it.

http://labodoble.org/aboutus.html

– TIZIANA SALVATI in solo

audio video mixing,, liveset

live set,manipulated audio.video,expanded cinema,feedbacks and cathodic tube alteration

https://tizianasalvatilab.wordpress.com/solo-project/

SUPER8 film night 02/05/2019 at 76A starts h. 21.00

serata-seppo-pasquale

NAPOLIFILM live IMPRO with Seppo Renvall (super8 projectors), DavidOne (destroyed accordions) and Gaelle (electroacoustic winebox)

una proiezione multipla improvvisata di tutti i materiali ripresi in super8 per l’ultimo film di Seppo Renvall (FIN) “NAPOLIFILM” liberamente smusicati dalla scatola elettroacustica, dalle molle e dagli elastici di Gaelle (TESTACODA magicmoments) e da quel che resta delle fisarmoniche di DavidONE

multiple super8 projections of all the shooting materials of the last film by Seppo Renvall (NAPOLIFILM) with the sounds of  Gaelle electroacoustic boxes (TESTACODAmagicmoments) and what ramains of DovidOne accordions

ANCORA NO! a live film by 70FPS aka Andrea Saggiomo (30 min, super8, b/w, 2018)

Una pellicola super8 sulla quale ho stampato manualmente (con la tecnica del rayogram) insetti e foglie insieme a ritagli di altri film. La pellicola non presenta una continuità lineare di fotogrammi; è un collage di immagini ed impronte. Nella proiezione (a velocità variabile) queste immagini si animano, entrano in relazione fra di loro, producono rumore: quella striscia inerte di immagini diventa un film nell’occhio di chi guarda lo schermo nel momento in cui guarda. Non c’è il film prima che qualcuno lo guardi e lo ascolti.

A super8 film on which I printed by hand (with the rayogram technique) insects and leaves together with other film clippings. The film does not present a linear continuity of frames; it’s a collage of images and footprints. When projected (at variable speed) these images come to life, they enter in relation to each other, they produce noise: that inert strip of images becomes a movie in the eye of the one who looks at the screen when he looks. There is no movie before someone looks at it and listens to it.

TORTILLA WESTERN cineforum proiezioni in pellicola 16mm (Marzo-Aprile 2019 – TERZOPIANOAUTOGESTITO)

CINEFORUM_web

Mercoledì 6 Marzo dalle ore 18:00

presso il TERZOPIANOAUTOGESTITO, Via Monteoliveto 3, Facoltà di Architettura, Napoli

avrà inizio il cineforum con proiezioni in pellicola 16mm

TORTILLA WESTERN

PROGRAMMA

merc. 6 Marzo ore 18.00 THE GREAT TRAIN ROBBERY di Edwin S. Porter, con George Barnes, Max Anderson; muto, b/n, durata 12′ – USA 1903

merc. 20 Marzo ore 18.00 VIVA LA MUERTE… TUA! di Duccio Tessari, con Eli Wallach, Franco Nero, colore, durata 117′ – Italia 1971

ven. 29 Marzo ore 18.00 VAMOS A MATAR COMPANEROS di Sergio Corbucci, con Franco Nero, Tomas Milian, colore, durata 135′ – Italia 1970

ven. 12 Aprile (data da confermare) GIU’ LA TESTA! di Sergio Leone, con Rod Steiger, James Coburn, colore,  durata 150′ – Italia 1971 (proiezione in digitale)

Estratte dalla lunga storia del western, queste 4 pellicole (la prima degli albori del genere, le altre dei primi anni 70) ci riportano a quando lo spaghetti western si confronta con il
tema della rivoluzione. Ne uscirono delle tortillas western come queste, un misto di gag comiche e rifLessioni più o meno approfondite sulla pratica e l’etica rivoluzionaria.
Un mix di immaginazione ed avvenimenti più o meno plausibili, non una verità attendibile ma un confronto variegato con una realtà altrettanto variegata

accorrete numerosi

non mancherà da bere

ascoltate RADIO NEANDERTHAL AM1359 https://radioneanderthal.info/